In questo articolo ho voluto raccogliere tutta una serie di informazioni sui sistemi e le funzioni che permettono di lavorare con precisione in ARCHICAD.

Unità di lavoro

Il primo passaggio fondamentale è sicuramente quello di impostare l’Unità di Lavoro che permette di disegnare e tracciare correttamente gli elementi di disegno in Archicad.

L’Unità di Lavoro si può impostare nella relativa finestra che si apre da menù Opzioni / Preferenze Progetto. 

È importante sapere che l’Unità di Lavoro può essere modificata in qualunque momento e la si può scegliere sulla base del disegno che si sta realizzando. Se la necessità è quella di lavorare sull’intero edificio è sicuramente più sensato utilizzare l’Unità di Lavoro impostata sui metri. Se invece si deve lavorare su un dettaglio costruttivo può risultare utile, magari, impostare l’Unità di Lavoro sui centimetri oppure millimetri.

L’Unità di Lavoro viene generalmente utilizzata durante il tracciamento (è l’Unità di Misura che viene usata all’interno dell’Ispettore) oppure è visualizzata nella varie finestre di dialogo di impostazione degli strumenti.

Una volta impostata l’Unità di Lavoro risulta più semplice iniziare a disegnare elementi all’interno della finestra di Pianta, la principale finestra di lavoro di ARCHICAD.

Una nota molto importante è sicuramente quella di non confondere l’Unità di Lavoro con l’Unità di Quota. Sono due cose distinte e indipendenti tra loro.

Guide di Snap/Linee Guida

Queste due funzioni sono distinte e servono come aiuto per il disegno. Sono spesso confuse e altrettanto spesso disattivate e non utilizzate, ma posso assicurare che se sfruttate permettono precisione e velocità di esecuzione.

Le Guide di Snap sono linee e archi che vengono temporaneamente visualizzati accanto agli elementi esistenti. A differenza delle Linee Guida, le Guide di Snap sono temporanee e scompaiono automaticamente subito dopo aver allontanato il cursore. Se necessario è possibile, comunque, mantenere la Guida di Snap posizionata andandola a bloccare.

Le Linee Guida (e i Cerchi Guida) sono ausili al disegno che aiutano e facilitano l’immissione degli elementi sia nel 2D e sia nel 3D. A differenza delle Guide di Snap, le Linee Guida sono posizionate dall’operatore e rimangono visibili fino a che non sono rimosse.

Punti di Snap

I Punti di Snap sono degli hotspot temporanei che vengono attivati sugli elementi toccati dal cursore attraverso delle regole definite dall’utilizzatore. I Punti di Snap sono un ottimo sistema per inserire facilmente elementi con estrema precisione, infatti è possibile iniziare a tracciare nuovi elementi da questi punti. I Punti di Snap scompariranno automaticamente dopo 5 secondi, tuttavia se si trovano lungo un segmento Riferimento di Snap, rimarranno visibili fino a quando resterà visibile il Riferimento.

Sottolucido e Riferimento

Il Sottolucido di Riferimento è un sistema temporaneo che permette di proiettare sulla finestra attiva il contenuto (e uno solo alla volta) di un’altra finestra di lavoro di ARCHICAD. È possibile scegliere tre tipi di elementi come Riferimento (cioè l’elemento che si proietta):

  • Punti di Vista – si può proiettare come Riferimento qualsiasi elemento della Mappa Progetto (tranne elementi della finestra 3D e Abachi/Indici)
  • Viste del Modello – si può proiettare come Riferimento una qualsiasi Viste del Modello contenuta nella Mappa Viste (tranne elementi della finestra 3D e Abachi/Indici). Da notare che le impostazioni della Vista proiettata saranno indipendenti dalla finestra attiva, cioè mantengono le loro caratteristiche memorizzate (Combinazione Lucidi, Sovrascrittura Grafica, Filtro di Ristrutturazione, ecc…).
  • Layout – si può proiettare come Riferimento un qualsiasi Layout e i disegni contenuti

Bacchetta Magica

La Bacchetta Magica, che si attiva tenendo premuto la barra spaziatrice sulla tastiera, permette di generare nuovi elementi (Muri, Solai, Falde, Retini, ecc…) usando la sagoma di elementi esistenti. Ad esempio se è presente una perimetrale di Muri, con un clic è possibile inserire il Solaio usando la perimetrale dei Muri come area di inserimento, o viceversa.

L’uso della Bacchetta Magica è consigliato per velocizzare di molto l’inserimento di elementi su aree poligonali complesse.

Griglia di Costruzione

La Griglia di Costruzione e la Griglia Invisibile sono sistemi di aiuto che permettono di semplificare il disegno. La differenza tra le due è data dalla Griglia Invisibile che può essere usata opzionalmente per semplificare il tracciamento facendo muovere il cursore su una distanza predefinita (quando attiva si nota un “punto” che si muove vicino al cursore anche senza il comando di tracciamento attivo). 

La Griglia di Costruzione è visibile e i punti di intersezione della Griglia possono essere usati come Snap (utile sistema se si deve tracciare con distanze predefinite multiple del passo della Griglia).

Le due Griglie possono essere gestite separatamente per le varie finestre di lavoro (Pianta, Sezione/Alzato, Foglio di Lavoro, ecc…) mentre le impostazioni scelte per un Piano (finestra di Pianta) saranno usate per tutti i Piani.

La visualizzazione o meno della Griglia di Costruzione è gestibile attraverso il comando Griglia e Sfondo (menù Visualizza / Mostra Griglia di Costruzione)

archicad griglia sfondo

L’attivazione o meno degli Snap alla Griglia avviene attraverso i comandi Snap alla Griglia Invisibile / Snap alla Griglia di Costruzione (Visualizza / Opzioni Snap alla Griglia)

La gestione delle Griglie avviene invece nella finestra Area di Disegno e Griglie (Visualizza / Griglia & Opzioni Piano di Editazione).

Previous post

Intervista podcast SNAP episodio 119 - GRAPHISOFT learn con Luca Manelli

Next post

Corso Completo di ARCHICAD

The Author

Luca Manelli

Luca Manelli

Ciao, sono Luca Manelli, utilizzo ARCHICAD da oltre 25 anni e sono il curatore dei contenuti di questo blog. Insegno ARCHICAD da tanti anni, ho scritto manuali d'uso, realizzo video corsi di auto-apprendimento per il portale GRAPHISOFT Learn che permettono di imparare il BIM con ARCHICAD più velocemente e in modo produttivo