Quest’anno ArchiCAD compie 30 anni.

Graphisoft ha chiesto a una serie di utenti di lunga data i motivi per cui sono rimasti e hanno continuato il loro lavoro con ArchiCAD per tutti questi anni.

Graphisoft ha poi realizzato un video che rappresenta deliberatamente l’emozione che ha legato tanti professionisti ad ArchiCAD, il video è stato pubblicato su YouTube e lo puoi vedere di seguito:

Questa ricorrenza è per me uno stimolo per raccontarti la mia “prima volta” con ArchiCAD.

Ho iniziato nel 1995 con l’allora Radar Ch (vecchio nome di ArchiCAD) per intenderci quello con il logo a forma di tre matitoni…

In quel periodo lavoravo in uno studio di architettura di Milano pieno di tavoli da disegno, rotoli di lucidi, rapidograph, china, macchine da scrivere Olivetti e l’unico computer presente era un IBM a schermo nero, il DOS e il suo cursore lampeggiante.

ArchiCAD è arrivato dopo circa un anno dal mio arrivo nello studio. Era stato installato su un Mac LC 630 con coprocessore matematico integrato e un monitor da 17” a colori…rispetto all’IBM una vera e propria rivoluzione…

ArchiCAD_e_mac

Quello però non è stato il mio primo contatto con un Mac, infatti a casa mio papà, per motivi di lavoro, ha fatto un vero e proprio piccolo investimento acquistando un Macintosh Classic. Un piccolo ma rivoluzionario computer, per il periodo, con una grafica pazzesca, il mouse, il suo doppio clic e il caratteristico startup sound riconoscibile in mezzo a mille altri suoni…

Ma torniamo al Mac in studio, oltre ai soliti software installati, era presente una versione di Radar Ch, fantastico!

Dopo i primi momenti difficoltà è stato amore a prima vista!

Mi ha entusiasmato da subito per la velocità e la facilità di utilizzo, in pochissimo tempo si riusciva a fare il lavoro di almeno una settimana a tecnigrafo.

Rispetto a ora i comandi e le funzioni erano di meno, però erano abbastanza e tremendamente rivoluzionari. Il primo vero lavoro che ho disegnato è stata la copertura di una piscina olimpionica a forma di onda…in 3D logicamente…che fatica ma anche che grandissima soddisfazione!

Da quel momento sono passati un po’ di anni, tanti lavori fatti, tanti modelli 3D realizzati, tante novità introdotte, alcune buone altre meno buone, ma l’importante è la natura del software che non è mai cambiata in tutti questi anni e il mio rapporto con ArchiCAD che ho sempre considerato un vero e proprio compagno di lavoro, capace di farti fare cose strabilianti ma anche di farti incazzare, e tanto, nei momenti meno opportuni.

Ora si inizierà a parlare di ArchiCAD 18 e come mi capita ogni anno sono incuriosito dalle novità introdotte perché nel bene e nel male, un software che ogni anno aggiunge qualche cosa permette di capire che è pieno di vita e vuole stupire sempre nonostante i 30 anni di vita…che per un software sono tanti!

Buon compleanno ArchiCAD!

www.archicad.com

Previous post

Esplora la sede Graphisoft con BimX HyperModels

Next post

ARCHICAD Mini Monster Truck

The Author

Luca Manelli

Luca Manelli

Ciao, sono Luca Manelli, utilizzo ARCHICAD da oltre 20 anni e sono il curatore dei contenuti di questo sito. Insegno ARCHICAD da tanti anni, ho scritto manuali d'uso, realizzo e produco video corsi di auto-apprendimento per aiutarti a imparare ARCHICAD velocemente e in modo produttivo.

No Comment

Leave a reply