Voglio dare il benvenuto a Michela Baldetti e ringraziarla per il suo tempo e per aver voluto condividere con noi il suo progetto e la sua esperienza di lavoro con ARCHICAD.

D) Ciao Michela e grazie per il tuo tempo. Vuoi presentarti e dirci il percorso che ti ha portato a lavorare con ARCHICAD?

R) Ciao Luca, mi sono laureata presso l’ Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Architettura – Vecchio Ordinamento (5 anni di studi). Prima ho frequentato l’Istituto d’Arte di Porta Romana a Firenze. Il mio percorso universitario ha coinciso con il lento passaggio dal tecnigrafo al computer. Disegno e rilievo, composizione, progettazione 1 e 2 sono stati elaborati al tecnigrafo, a mano libera, con la tecnica della china e della matita. Solo la tesi (edificio industriale bioclimatico) è stata elaborata, con grande difficoltà, con l’ausilio del computer (Mac) e di ARCHICAD 6.

D) Come mai hai scelto di usare ARCHICAD?

R) Da subito ho scelto di utilizzare ARCHICAD, per le potenzialità che vi scorgevo, anche se è stato difficile interagire con gli altri professionisti che utilizzavano programmi differenti. ARCHICAD mi ha permesso di affrontare, da sola, quantità di lavoro che con altri programmi non avrei potuto gestire.

D) Che ruolo ha ARCHICAD ma più nello specifico le immagini fotorendering nel tuo percorso di progettazione?

R) Solo da poco ho iniziato a confrontarmi con il mondo del rendering, da quando ho acquistato ARCHICAD 19, nel dicembre 2015, attualmente utilizzo ARCHICAD 20 su Mac. Credo che aver iniziato a comporre a mano libera condizioni ancora adesso il mio gusto estetico nella elaborazione dei render. I render per me sono importanti in fase di progettazione, sono principalmente render di studio. Così come i vecchi modellini in balza, permettono di vedere da subito le forme, i volumi, la luce. Per questo amo ARCHICAD, perché permette di utilizzare i render nella fase di progettazione, non solo nella fase di presentazione finale.

D) Le immagini che pubblichiamo sono di un tuo progetto, ce ne vuoi parlare?

R) Le immagini fotorender sono state elaborate tutte con ARCHICAD 20 per lo studio di una ristrutturazione di un edificio storico sito in un comune pugliese (Grottaglie – Taranto). Essendo toscana e avendo lavorato principalmente nella provincia di Firenze, è stata la prima volta che ho affrontato con ARCHICAD una tipologia di costruzioni di questo tipo, completamente irregolare, fatta di nicchie, incastri, volte a botte, a spigolo o a stella, per di più su base irregolare. Anche i materiali sono diversi da quelli toscani, con tufo, cocciopesto, calce, pietre spaccate, pastine..

D) Che tipo di immagini fotorender cerchi di ottenere per presentare i tuoi progetti?

R) Non voglio ottenere immagini iper realistiche. Mi piace lo studio delle volumetrie e della luce (che è sempre quella reale del sito di intervento), ma gli spazi devono, secondo me, rimanere un po’ astratti.

D) Essendo una architettura esistente, che difficoltà hai riscontrato nella stesura del modello tridimensionale?

R) La difficoltà maggiore è stato il rilievo e la ricostruzione delle volte su base trapezoidale. Ho trovato  il modo di costruirle ma non in maniera perfetta e, anzi, sono aperta ad imparare da chi avesse maggiore esperienza di me!

D) In ARCHICAD hai trovato tutti gli elementi necessari al progetto? Oppure hai dovuto fare una ricerca di oggetti, materiali, texture, ecc…

R) Ho aggiunto nuove texture alla palette dei materiali, importando foto da internet di varie finiture. Giocando poi sulle dimensioni delle texture importate, variandone alcune caratteristiche si riesce ad ottenere una grande varietà di effetti. Ho inoltre importato oggetti con i formati 3ds e Sketchup, andando a modificare alcune caratteristiche (materiali o altro) dove necessario.

Grazie Michela del tuo tempo e per aver condiviso con noi la tua esperienza di lavoro con ARCHICAD. Di seguito tutti i riferimenti e i contatti di Michela.

MICHELA DELFINA BALDETTI – FIRENZE

Previous post

ARCHICAD incastro a coda di rondine

Next post

ARCHICAD Free 3D Models of Humans

The Author

Luca Manelli

Luca Manelli

Ciao, sono Luca Manelli, utilizzo ARCHICAD da oltre 20 anni e sono il curatore dei contenuti di questo sito. Insegno ARCHICAD da tanti anni, ho scritto manuali d'uso, realizzo e produco video corsi di auto-apprendimento per aiutarti a imparare ARCHICAD velocemente e in modo produttivo.