La mia dotazione hardware per lavorare

Mi viene chiesto molto spesso quale hardware utilizzo e in generale qual’è la mia dotazione. Bene, in questo articolo, che sarà mia premura tenere costantemente aggiornato, voglio elencarti la mia dotazione hardware e coma la utilizzo.

Il mio computer

Voglio iniziare con il mio computer che, se hai guardato qualche mio video, avrai sicuramente capito che utilizzo un computer Apple.

Per la precisione ora sto utilizzando un MacBook Pro 15” che ho acquistato nel mese di Settembre 2019 (proprio pochi giorni prima del rilascio dei MacBook Pro a 16”). In precedenza avevo sempre un MacBook Pro 15” che però a Marzo del 2019 (durante il Made Expo di Milano) mi è stato rubato. Per qualche mese ho lavorato con un “muletto”, sempre un MacBook Pro, non di mia proprietà ma che gentilmente Graphisoft Italia mi ha messo a disposizione e appunto a Settembre dello stesso anno ho sostituito con il computer attuale.

Le caratteristiche del mio computer le puoi vedere nell’immagine sotto.

Da circa una decina di anni utilizzo solo MacBook Pro. Questa scelta è stata dettata dal fatto di avere la necessità di una postazione di lavoro “portatile”. Questa necessità è dettata dal fatto che ho sempre viaggiato molto per lavoro e perché trovo il computer portatile molto più comodo.

Essendo un mezzo di lavoro e odiando i computer particolarmente lenti, quando decido di dotarmi di un nuovo computer cerco sempre di stare sui top di gamma che sono sicuramente più costosi ma che mi permettono di rimanere per almeno 3 o 4 anni abbastanza tranquillo.

Perché utilizzo Mac?

La risposta per me è abbastanza semplice, uso i computer della Mela dall’età di, circa, 18 anni. A quell’epoca mio padre, per sue esigenze lavorative, aveva acquistato un Apple Classic ed essendo il primo computer a entrare in casa nostra, gioco forza era disponibile per scrivere i primi documenti oppure per usare i primi fogli di calcolo (purtroppo non ricordo il nome dei software). Successivamente, dopo il diploma e dopo il militare, ho iniziato a lavorare in uno studio di Architettura di Milano e, dopo qualche mese, ha fatto la comparsa un LC 630 (sempre un Mac) con installato (guarda un pò) Radar Ch/Archicad, versione 4 o 4.5 (non ricordo con esattezza). Negli anni successivi tutti gli studi di Architettura in cui ho lavorato avevano una dotazione di computer Apple e, trovandomi particolarmente bene, ho deciso di dotarmi sempre di computer Apple, anche se ho avuto una breve e poco gratificante parentesi con un PC.

La mia “postazione fissa”

Non è possibile lavorare tutti i giorni per tutto il giorno con lo schermo del portatile, per cui la mia “postazione fissa” è dotata di un monitor esterno, di tastiera e mouse. In questo modo il Monitor del portatile diventa un secondo Monitor.

Iniziamo dal monitor. Nel Dicembre 2020 il Monitor che utilizzavo si è rotto (dopo circa 4 anni di onorato servizio) e ho dovuto sostituirlo. La mia scelta è ricaduta su un Lenovo ThinkVision con display da 27” 4K. Per quel che ne so di Monitor (e non è poi così tanto) questo è un buon Monitor per lavorare con un ottimo rapporto qualità/prezzo. L’unica cosa che non ha (mentre il mio precedente ne era dotato) è la webcam, strumento fondamentale in quest’epoca di meeting online e webinar. Per cui mi sono dotato di una webcam esterna e la mia scelta è ricaduta su un prodotto Logitech, la Webcam Business Brio Ultra HD PRO.

Non è l’unico prodotto Logitech che utilizzo, ne ho acquistati altri. Adoro i prodotti tecnologici (ho un’anima molto nerd) e mi piace utilizzarli, specialmente se riescono a migliorare la mia vita lavorativa e non. Comunque, come dicevo, ho altri prodotti Logitech che ho acquistato nel tempo e vado particolarmente fiero del mio mouse Bluetooth (il Logitech MX Master 3 for Mac) che amo alla follia perchè lo trovo comodo, ergonomico e parecchio preciso e la mia tastiera, sempre Bluetooth (la Tastiera Wireless Multidispositivo K780). Questa tastiera, oltre a essere comoda e ergonomica, permette di gestire il collegamento a tre dispositivi. Nel mio caso è collegata al MacBook Pro, al mio iPad Pro e al mio iPhone. La tastiera (come puoi vedere nell’immagine sotto) è dotata di un supporto integrato dove è possibile inserire il tablet e lo smartphone, e attraverso il semplice utilizzo di uno dei tasti che gestiscono i collegamenti (sono bianchi e si trovano sulla destra del tasto ESC), è semplice passare da un dispositivo a un altro e usare la tastiera per scrivere. Nel mio caso:

  • Tasto N.1 associato al MacBook Pro
  • Tasto N.2 al mio iPhone
  • Tasto N.3 al mio iPad Pro

Mouse e tastiera sono gestiti dall’applicazione Logi Option che permette anche la personalizzazione di alcune funzioni e caratteristiche. Nel Mouse, ad esempio, è possibile gestire le funzionalità dei vari pulsanti disponibili, anche in base all’applicazione che si sta usando.

Per quanto riguarda gli Hard Disk esterni ne ho un pò ma tra quelli che utilizzo con grande soddisfazione c’è il Samsung Portable SSD T5. Ne ho due da 1 TB l’uno che utilizzo per il BackUP del Mac con Time Machine e uno come HD esterno per l’elaborazione e la post produzione di tutti i video che registro. In definitiva il secondo è il mio disco “di lavoro”. Ho scelto dei dischi SSD perchè la velocità che hanno mi permette di lavorare con documenti pesanti (come i documenti video) e di avere il BackUP del Mac molto veloce nell’esecuzione e di avere una buona velocità ogni volta che utilizzo TimeMachine per recuperare un qualsiasi documento.

Per quanto riguarda l’archivio, utilizzo un NAS QNAP TS-231 con due HD da 4 TB l’uno e un HD esterno (WD MyBook), sempre da 4 TB, di BackUP dei dati del NAS. Il NAS è per me il mio archivio in cui inserisco tutti i documenti, specialmente i video. Tra le varie impostazioni che ho abilitato c’è quella, molto comoda, di fare in automatico, una volta al giorno, il backup su disco esterno, così da avere sempre tutto aggiornato e, spero, ben protetto da eventuali problemi. A tale proposito ti voglio raccontare questa mia breve, ma per me, terrificante storia che mi è successa qualche anno fa. Anche in quel periodo utilizzavo un NAS come archivio, in cui, logicamente, avevo riversato buona parte del lavoro svolto. Per farla breve un giorno il NAS ha riscontrato un problema ai dischi e così ho perso tutto l’archivio…non è bastato rivolgermi a una serie di figure tecniche per capire se, in qualche modo, c’era la possibilità di recuperare i dati. Niente! Alla fine ho perso tutto.

Per questo, ora, oltre al NAS, utilizzo un disco esterno dove faccio il backup dei dati che si trovano nei dischi del NAS.

Oltre a questi strumenti, per rendere smart il collegamento tra il MacBook Pro e tutto il resto, mi sono dotato di un Belkin Thunderbolt 3 Dock Plus che mi permette di avere, con solo un cavo di collegamento al Mac, il Monitor, la rete ethernet (con internet e collegamento al NAS), i due HD esterni di Samsung, il Blue Yeti Microfono professionale USB (che utilizzo per registrare la mia voce per i video tutorial e i video dei corsi) e l’alimentazione del Mac.

Ecco, questa è la mia dotazione a fine Agosto 2021. Come ho detto all’inizio manterrò questo articolo aggiornato con gli eventuali altri nuovi “gingilli” che andrò a integrare e/o sostituire.