Perchè è importante usare il Library Part Maker per sviluppare oggetti BIM in ARCHICAD

Sviluppare la tua libreria personale di ARCHICAD con oggetti BIM realizzati attraverso il Library Part Maker è, a mio parere, la soluzione ideale che permette di integrare velocità e praticità. Inoltre è una soluzione alla portata di tutti.

Iniziamo a inquadrare il concetto di elemento di Libreria BIM.

Elemento di Libreria BIM

Un Elemento di Libreria di ARCHICAD è composto dal Simbolo 2D, dalla rappresentazione 3D e dalle Informazioni (fondamentali).

Questi tre elementi devono essere sincronizzati. Ciò significa che alla modifica del Simbolo 2D oppure della rappresentazione 3D deve modificarsi anche la parte dedicata alle informazioni e viceversa.

Il linguaggio GDL, che è alla base di tutti gli oggetti parametrici di ARCHICAD, supporta questo approccio. Sviluppare oggetti usando il GDL, che è un vero è proprio linguaggio di programmazione, comporta però la conoscenza del linguaggio e delle competenze che possono non essere alla portata di tutti.

Il Library Part Maker permette di eliminare la programmazione GDL perché si basa sull’utilizzo degli strumenti 2D e 3D di ARCHICAD. Certo, il risultato che si ottiene non è sicuramente un oggetto altamente parametrico ma è un oggetto che ha una serie di caratteristiche importanti per essere considerato un oggetto BIM.

L’approccio del Library Part Maker si focalizza sulla creazione di elementi come “nella vita reale”, dove la forma e le caratteristiche del prodotto sono identificate da un eventuale codice.

Questo non vieta di avere un oggetto dove, ad esempio, possiamo modificare le Superfici (le finiture dell’aspetto) oppure il livello di dettaglio 2D e 3D.

Il Library Part Maker permette di creare oggetti dove è possibile gestire il livello di dettaglio (Level of Detail) 2D (basso, medio, completo) e 3D (schematico, semplificato, completo) dell’elemento stesso e di collegarlo alle Opzioni Vista Modello (O.V.M.).

Level of Detail

Questo permette di avere gli oggetti che cambiano il loro livello di dettaglio in base alla scala di rappresentazione, alla fase di sviluppo oppure al tipo di disegno.

Tipi di elementi 

Ad oggi il Library Part Maker è, a mio avviso, il miglior sistema disponibile per l’utilizzatore di ARCHICAD per creare oggetti BIM per ARCHICAD così da poter sviluppare una vera e propria Libreria ARCHICAD personale.

Attraverso l’utilizzo del Library Part Maker è possibile creare i seguenti elementi di Libreria:

  • Oggetto generico
  • Finestra
  • Porta
  • Lucernario
  • Lampada
  • Elementi MEP da usare con il MEP Modeler incorporato in ARCHICAD*

*Il MEP Modeler è integrato in ARCHICAD dalla versione 24. In precedenza era disponibile come add-on da installare.

Come già accennato sopra, il Library Part Maker permette di creare tutti i tipi di oggetti sopra elencati con le caratteristiche di gestione del livello di dettaglio 2D e 3D, così da poterli adattare alle varie fasi del progetto. Proprio per questo è altamente consigliato per creare oggetti BIM per ARCHICAD.

Per quanto riguarda le Porte e le Finestre, è possibile inoltre usare alcuni parametri degli oggetti della Libreria standard, come ad esempio il tipo di maniglia, all’interno di Porte e Finestre create con il Library Part Maker.

Library Part Maker Template

Il Library Part Maker è composto da un Template di sviluppo e da una vera e propria palette che permette di gestire lo sviluppo e la registrazione dell’oggetto. Il Template è importante perché al suo interno sono presenti tutta una serie di esempi (per ogni tipo di elemento realizzabile) che si possono osservare e studiare per capire come sviluppare gli oggetti.

Template e palette Library Part Maker

La palette è invece organizzata in modo chiaro e, partendo dall’alto, permette di seguire passo a passo tutto il workflow necessario a realizzare l’oggetto BIM.

Dati e Proprietà

A qualunque oggetto creato con il Library Part Maker è possibile “agganciare” uno schema di proprietà, come qualunque oggetto della Libreria di ARCHICAD. Inoltre, dopo aver classificato l’elemento, è possibile avere a disposizione le Proprietà degli elementi ARCHICAD, così da poterli arricchire di informazioni come un qualunque altro elemento del modello.

Conclusione

Il Library Part Maker è, a tutti gli effetti, il miglior compromesso tra apprendimento e produttività per poter sviluppare una Libreria BIM con ARCHICAD senza conoscere il linguaggio GDL.

Questo sistema è un ottimo compromesso per il professionista singolo oppure per lo studio più strutturato per sviluppare elementi BIM per i progetti ARCHICAD che siano in grado di integrarsi con lo sviluppo del progetto e le varie rappresentazioni.

Il download del Library Part Maker lo puoi fare da questa pagina web del sito di Graphisoft Italia.

Se desideri imparare a utilizzare il Library Part Maker ma soprattutto desideri capire come sviluppare una tua Libreria di oggetti BIM, ti consiglio il mio video corso Creare oggetti BIM con Archicad.